Influenza aviaria

 

Influenza aviaria

dalla pubblicazione Paese Vita Amministrativa n. 2 - ottobre 2006

INFLUENZA AVIARIA
MANTENERE LE PRECAUZIONI

Anche se è passato lo stato di emergenza, il Mistero della Sanità ha raccomandato ai Comuni di sensibilizzare i propri cittadini affinché sia mantenuto alto il livello di attenzione e continuino ad essere rispettate le prescrizioni a suo tempo impartite per gli allevamenti dei volatili.
Per questo il Sindaco ha disposto con Ordinanza che i proprietari di allevamenti rurali, con presenza da n° 1 a n° 250 capi dovranno:

  • verificare l'affidabilità della provenienza e lo stato di salute degli animali acquistati;
  • detenere i volatili all'interno di un'area esclusiva e delimitata da una recinzione metallica con un'altezza almeno di metri 1,5;
  • tenere la documentazione degli acquisti almeno fino alla macellazione e/o alla vendita degli animali;
  • evitare che il pollame morto venga dato come cibo agli altri animali domestici (cani, gatti);
  • contattare senza indugio il Servizio Veterinario in caso di riscontro di morti o malattie degli animali;
  • presentare, nel caso di nuovi allevamenti, la dichiarazione per il censimento degli allevamenti avicoli domestici secondo il modello reperibile presso gli uffici comunali (telefono 0422-457711 / 0422-457748) o scaricabile dal sito internet del Comune (vedi allegati alla fine di questa notizia), dichiarazione da consegnare all'Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune nei giorni di apertura:

Ufficio Relazioni con il Pubblico - Protocollo - Messi Comunali
Tel. 0422 457711 - Fax 0422 457710
LunMarMerGioVenSab
8.30 - 12.30
15.00 - 18.00
8.30 - 12.30
- - -
8.30 - 12.30
15.00 - 18.00
8.30 - 12.30
- - -
8.30 - 12.30
- - -
- - -
- - -


visualizzazione immagine salva.gif L'ordinanza di revoca delle misure urgenti con le nuove disposizioni (PDF 77Kb)
visualizzazione immagine salva.gif Allegato: dichiarazione sostitutiva (PDF 62Kb)